Il Panico (Proso Millet)

Può essere così:

proso-millet

o come nell’immagine a fianco.

Il Proso millet (Panicum miliaceum) è stato domesticato in Manchuria e Transcaucasia circa 7000 anni fa, introdotto in Europa circa 3000 anni fa, e poi nel Medio oriente e in India. Il Proso millet si adatta bene a molti tipi di suoli e di climi. Ha un ciclo corto e quindi ha bisogno di poca acqua. Si estende molto più a nord di altri tipi di miglio e cresce bene anche ad altitudini elevate, fino a 1200 metri nella ex Unione Sovietica e fino a 3500 metri in India.

Il Proso millet generalmente matura in circa 60-90 giorni e cresce bene in suoli poveri e in climi caldi e asciutti. Si tratta di una coltura facile da coltivare e sembra essere molto adatto a pratiche agricole primitive. Richiede pochissima acqua, forse meno di qualsiasi altro cereale, e converte l’acqua in modo molto efficiente in sostanza secca e granella. Questo non è tanto a causa della sua tolleranza alla siccità ma soprattutto a causa del suo breve ciclo di crescita.

Mi dice il Prof Giovanni Dinelli (Università di Bologna), cui debbo anche la foto qui sotto, che vicino a Bologna c’è una località che si chiama Borgo Panigale, dove il nome Panigale viene da panicum. In provincia di Ferrara ci sono località come Migliaro e Migliarino, dove tali nomi derivano proprio dalla parola miglio. Il comune di Migliaro ha nel proprio gonfalone comunale una pianta di miglio!! Per giunta bella rossa!!!

 

confalone

Poi ovviamente, come nel resto d’Europa, con la scoperta delle Americhe e con l’arrivo di mais e patate, il miglio pian pianino è scomparso o è diventato un “cereale minore”.

La banca del germoplasma dell’ICRISAT in India conserva 842 accessioni di proso millet provenienti da 30 paesi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s